La pensione di invalidità di una persona con fibromialgia è stata respinta a causa di foto pubblicate sui social media.

Pensi che i tuoi profili sui social media rappresentino la tua vita 
con precisione? Uno sconosciuto potrebbe guardare il tuo profilo e 
determinare che hai la fibromialgia semplicemente cercando le 
tue foto?
Molti direbbero che la risposta è no.

Ma al comico di New York Kayla Barry è  stata recentemente negata una richiesta di fibromialgia da disabilità e  
sindrome da affaticamento cronico
 perché a quanto pare non sembra abbastanza malato in diverse foto che ha pubblicato online.

Barry spiega in un post di Tumblr (dove è conosciuta come fibrillare
) che il medico che è stato assunto per prendere la decisione sulla sua 
richiesta ha  usato le foto pubblicate sul suo account Twitter per  determinare se   fosse davvero malata.
Non ha twittato per quasi un anno e le foto citate nel 
documento che nega la sua affermazione, che mostravano il suo sorriso e le sue risate 
pubblicate tra uno e due anni fa.
Nel suo post su Tumblr, Barry ha incluso un estratto del documento:  “La  persona rappresentata nella maggior parte di queste pubblicazioni sembra  essere una   giovane donna impegnata in attività della vita,  sveglia, sorridente e   vigile  . 
“Non sembrano rappresentare un individuo che sembra malato cronico  “.
Queste immagini, spiega Barry, non sono rappresentazioni accurate della sua vita.
Come può testimoniare chiunque utilizzi i social media,  che  pubblichiamo non dipinge l’intera immagine.
“Le persone usano sempre i social media per mostrare i  momenti MIGLIORI 
della loro vita,  anche se non sono tutta la verità”,  afferma nella sua 
pubblicazione.
E come molti con fibromialgia e altre malattie croniche, Barry 
tiene molte delle sue lotte per sé.
”  Non condivido i tre giorni che devo dormire per riprendermi da una  commedia stand-up. Non condivido il dolore intenso che il mio corpo soffre dopo di camminare per Central Park per un giorno  “, scrive.
“Si chiamano  malattie invisibili  per una ragione. Le persone con  malattie croniche possono sembrare del tutto normali.
La malattia è nascosta alla vista. “ Grazie per aver letto!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *